Torna a In the Wild

Lake Bill Tosolini Productions

Un ricordo di Seattle raccontato con la VR da Tosolini Productions, BLK360, e il motore grafico Unity

|
07/20/2020

Lo storytelling aziendale riveste un ruolo importante per promuovere la tua azienda e incoraggiare potenziali clienti a comprare ciò che offri, ma anche per assumere nuovo personale. La tecnologia per la cattura della realtà si sta sempre più diffondendo in questo settore. Paolo Tosolini di Tosolini Productions, basato a Seattle, è specializzato nello storytelling aziendale attraverso l'utilizzo di media emergentisoluzioni con touch screen interattive per eventi, tour virtuali 3D, e media immersivi AR/VR/360 per diverse aziende, tra cui figurano Deloitte e Microsoft.

Paolo e il suo team utilizzano diversi tipi di cattura della realtà e imaging technology per la conservazione digitale di svariati edifici e punti di riferimento di rilievo a Seattle e dintorni, incluso il “Lake Bill” di Microsoft, uno spazio esterno presso il campus Microsoft di Redmond, a Washington, sacrificato durante la recente ristrutturazione.

Ma perché è così importante per Microsoft preservare Lake Bill? Era “famoso tra i veterani di Microsoft”, secondo Nat Levy, su GeekWire. Un ex dipendente Microsoft ha risposto su Quora alla domanda “Qual è la storia dietro al Lake Bill nel Campus Microsoft?” Era “lo scenario di molte promozioni e scherzi” e in un'occasione ricorda di essere arrivato a lavoro e di aver trovato “l'intero lago coperto da palle per esercizi blu galleggianti per promuovere il lancio dell'ultimo prodotto Windows.” Ha inoltre aggiunto che “il primo ufficio di Bill Gates si trovava all'angolo del secondo piano nell'edificio 4 e dava sul laghetto poi è diventato noto come Lake Bill.”

BLK360 Lake Bill

Creazione di un ricordo in VR di Lake Bill

Nel 2019 Microsoft, cliente di Tosolini Productions, ha avviato una profonda ristrutturazione della sua sede originaria, situata sull'altro lato di Lake Washington rispetto a Seattle. La ristrutturazione ha interessato il campus che si estende su oltre 2.000 mq e ha incluso l'aggiunta di 17 nuovi edifici, oltre 2.000 kmq di rinnovato spazio destinato a uffici, sentieri e campi sportivi in quattro "villaggi". Sfortunatamente nel corso di questa ristrutturazione è stato sacrificato il Lake Bill. Il lago porta il nome del co-fondatore di Microsoft Bill Gates, e lo spazio esterno è stato creato per consentire ai dipendenti di fare una pausa, pranzare, organizzare eventi o socializzare.

Lake Bill fa parte della storia aziendale dello spazio di lavoro Microsoft. Però le storie, con le attuali tecnologie di cattura della realtà e VR, possono essere raccontate in maniere estremamente immersive. “Lake Bill sarebbe scomparso per sempre, perciò abbiamo deciso di crearne un ricordo digitale”, ha affermato Paolo. "Trattandosi di uno spazio esterno, abbiamo utilizzato BLK360, un imaging laser scanner compatto, per catturare un tour virtuale 3D come riferimento.”

BLK360 ha poi consentito a Paolo di scansionare nelle aree esterne e in zone più estese come Lake Bill, tra le altre, aggiungendo le scansioni al suo sistema Matterport. "BLK360 integra perfettamente la videocamera Matterport”, afferma Paolo, “poiché la sua tecnologia LiDAR funziona bene alla luce del sole e offre una portata maggiore”.

In cosa consiste il lavoro tecnico per la creazione di VR da nuvole di punti

Dal momento che si è trattato di un progetto così unico, abbiamo chiesto a Paolo e al suo progettista VR, Michael Gelon, di descrivere la creazione di un'esperienza VR a partire da nuvole di punti BLK360, e ci hanno risposto come segue.

"Da un punto di vista tecnico, la scansione di Leica è stata utilizzata come base per ricreare una versione in scala dello spazio all'interno di Unity 3D, un motore grafico in tempo reale. Considerando la natura dello spazio, la scansione non riportava tutti i dettagli né una completa indicazione di alberi, edifici circostanti e acqua.

Il primo passo è stato l'acquisizione di un modello .obj di scansione attraverso il servizio Matterport, lavorato con Blender 3d. Il suolo era perlopiù utilizzabile, perciò è stato separato dagli elementi verticali. Le diverse parti del mesh sono state combinate in una unica e il numero di poligoni è stato ridotto mediante decimazione.

Quindi è stato avviato un nuovo progetto Unity 3D. Il file Lake Bill .obj è stato importato, assieme ad asset conservati quali texture del suolo, modelli di alberi/roccia, e altri elementi sviluppati come i water shader e le carpe giapponesi. L'Asset Store di Unity contiene molti tool a prezzo accessibile che consentono di velocizzare la produzione, e altre fonti utili sono Quixel Megascans, Substance Source e CG Trader. Infine, è stato importato il più recente framework di integrazione VR, utilizzato come base per creare una nuova scena.

Una volta completata l'impostazione del progetto, il passo successivo prevedeva la resa virtuale dello spazio. La geometria del suolo della scansione è stata utilizzata con alcune nuove texture ad alta risoluzione ed è stato creato un fondale a partire da un semplice cubo. Lo spazio compreso tra il suolo e il fondale è stato riempito con alcuni modelli di roccia, variando man mano scala e rotazione. Gli alberi sono stati sostituiti da modelli virtuali di specie simili, utilizzando la scansione originale per stabilirne l'ubicazione (attivandola e disattivandola durande il processo).

Gli edifici sono stati modellati con semplici forme 3D e texture piastrellate. Quindi è stato aggiunto il piano di galleggiamento, con un sistema di carpe giapponesi prestabilito. Si è utilizzato un asset giorno & notte per rendere realistici e adeguati la luce e il cielo. Una volta che la disposizione, la luce e la vegetazione sono risultate rappresentative dello spazio reale, alla scena è stato aggiunto un teletrasporto VR di base.

Il processo nel complesso ha consistito nel "tracciare" la scansione digitale con asset progettati per essere utilizzati con motori grafici in tempo reale, ottenendo una resa dello spazio estremamente precisa, coerente e completa. Senza la scansione, conseguire questo risultato avrebbe richiesto molto più tempo".

Ora siamo pronti a intervenire con i comandi VR

L'ultima fase del processo ha visto l'aggiunta dei comandi VR per muoversi e interagire con lo spazio. "Ciò consente agli utenti di entrare nel campus Microsoft tramite delle cuffie VR e fare una vera esperienza delle proporzioni e dell'atmosfera del lago", ha affermato Paolo.

Il risultato è un ricordo che può essere vissuto ed esplorato da qualsiasi angolo.

Tosolini Productions ha pubblicato un video YouTube dell'esperienza VR, ed è davvero impressionante vedere come i dati LiDAR e la creatività VR funzionino bene assieme. L'esperienza VR di Lake Bill, in un certo senso, preserva il ricordo di qualcosa che non esiste più, ma che rappresenta una parte importante della storia di Microsoft. Per un'azienda rinomata a livello mondiale, è una maniera per coinvolgere chiunque sia interessato a saperne di più in merito alla sua cultura e al suo spazio di lavoro.

Cattura della realtà di terra, aria, mare

E altri spazi esterni? Il sito web di Paolo mostra un video di un tour annotato fotorealistico dei sentieri sul Monte Rainier, una maniera meravigliosa per esplorare la regione selvaggia che circonda la vetta principale in quella regione degli USA se non si ha la possibilità di visitarla di persona.

E invece il volo e la storia del volo? Tosolini, in partnership con Microsoft, ha anche creato delle esperienze AR per esplorare il Museum of Flight di Seattle: i visitatori possono virtualmente “mettere piede” nella cabina del pilota di velivoli storici, inclusi aerei della Seconda Guerra Mondiale.

O uno dei settori più importanti e famosi di Seattle: la pesca? Paolo ha catturato anche il Fishermen’s Terminal di Seattle, noto per essere il porto di attracco per i pescherecci di granchi nel reality show Deadliest Catch (Pesca mortale). La sua intenzione era di “scoprire una nuova location nella mia città, Seattle, e mettere alla prova il nuovo aggiornamento firmware di BLK360 che valorizzava la qualità dell'immagine”.

Ha deciso di catturare il terminal appena prima del tramonto, con l'intento di lanciare una sfida alle capacità di BLK360 in diverse condizioni di luce. "Il risultato è stato molto buono e sono rimasto sorpreso dalla distanza che ho potuto percorrere tra i punti di scansione”. Dai un'occhiata tu stesso. Mentre ti muovi all'interno del modello 3D del Fishermen’s Terminal, noterai cme cambiano le condizioni della luce, che vanno dalla luce del giorno all'imbrunire.

Condividi:

Guarda i commenti

Commenti

Aggiungi un commento

HTML ristretto

  • Elementi HTML permessi: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.