Torna a In the Wild

Corrimony Chambered Cairn

Scansioni dei cairn e dei castelli scozzesi: Elias Logan e BLK360, secondo round

|
11/20/2019

Questo è il secondo post di una serie dedicata all'architetto Elias Logan e alle sue scansioni laser in giro per l'Europa. Puoi leggere il primo post qui.


Ora che ci siamo lasciati alle spalle l'introduzione, è ora di darvi un aggiornamento dall'estero! Ora che sono di nuovo sulle strade (e ancora una volta sul lato destro) in Francia, farò le mie riflessioni sulle prime quattro settimane di ricerca girovadando tra le isole, le highland e le lowland scozzesi. Quello che ho imparato in questi "primi giorni" è stato fondamentale per la comprensione e l'esecuzione della ricerca.  

BLK360 collabora con palette e droni nel Ness di Brodgar 

Ness di BrodgarEssere sul sito del villaggio neolitico al Ness di Brodgar mi ha dato l'opportunità di imparare da Jim Bright, maestro dei modelli 3D degli scavi, e Scott Pike, genio del digitale e delle immagini aeree. La loro conoscenza rispettivamente dei metodi di fotogrammetria e cattura della realtà e fotografia con droni, sebbene diversa dal flusso di lavoro delle scansioni laser con BLK360, è stata fondamentale per stabilire le migliori pratiche per le scansioni complete e la loro manipolazione con il computer. Sia loro che il direttore del sito, Nick Card, erano un po' invidiosi di un novellino come me che se ne andava in giro con il potente e portatile BLK360!  

Nonostante ciò, credo di essermi meritato il diritto di restare durante quelle due settimane, passando ore e ore con pala e piccone a scavare strati di terra mentre lavoravo con il BLK360. Io e la mia partner, Emily Kruse, avevamo il compito di scavare un angolo di "fossa T" sperando di scoprire un presunto ortostato (una pietra verticale) parallelo a un altro già scoperto, che potrebbe indicare la presenza di un ingresso della struttura monumentale nella fossa. Purtroppo, non abbiamo trovato quello che ci aspettavamo, ma il processo ha prodotto spunti interessanti per la discussione del rapporto tra architetto e archeologo.  

La scansione laser aiuta a fare chiarezza nel territorio intermedio tra l'archeologo e l'architetto 

Il commento del direttore degli scavi della fossa T, Cristina Santisteban, che "l'architettura riguarda la costruzione, mentre l'archeologia riguarda la distruzione" è una distinzione piuttosto chiara, ancora più convincente quando si osserva con quale autorità scava tumuli che noi non osavamo che spolverare delicatamente. La sua osservazione ha guadagnato varietà di significati e profondità nelle continue conversazioni; la distruzione dell'archeologo naturalmente è sistematica e intenzionale così come il processo di progettazione e di costruzione dell'architetto.  

In effetti, entrambi agiscono con rigore allo scopo di immaginare l'ignoto, anche se in direzioni temporali opposte; l'archeologia si occupa di scenari abitativi passati mentre l'architettura determina la configurazione ideale di una struttura da costruire nel futuro.  

Pertanto, sebbene ci siano molte distinzioni disciplinari da fare tra l'architettura e l'archeologia, i due campi si incontrano nel terreno intermedio dell'interpretazione. Direi che lo strumento per dissolvere la nebbia metaforica (ho imparato che ci sono diversi tipi di nebbia da uno scozzese), è la rappresentazione: la scrittura, il disegno e, come tesimonia il nostro amico BLK, la scansione 3D!     

Da questo punto di vista, lo staff al Ness è stato generoso, permettendomi di creare dettagliate scansioni di due strutture completamente scavate (12 configurazioni ciascuna) e anche una scansione complessica della fossa (25 configurazioni).
Quando non eravamo impegnati negli scavi, sono anche riuscito a catturare scansioni di diverse altre strutture del neolitico e dell'età del bronzo tra i siti di Orkney. Per decidere quali delle possibili strutture scansionare sulle isole, ho elaborato una serie di criteri: 

Le "4 C" di Elias Logan per la scansione

  1. Composizione: il sito dovrebbe essere costituito principalmente da pietre.  

  1. Crollo: il sito dovrebbe essere in stato di rovina e incompletezza.               

  1. Costruzione: il sito non dovrebbe avere evidenze di rappresentazioni che precedano la costruzione (cioè disegni della costruzione). 

  1. Consapevolezza: dopo la costruzione, il sito dovrebbe condurre a una rivoluzione nel metodo e nel valore della rappresentazione architettonica che si è verificata nel Rinascimento (prima del 14esimo o 15esimo secolo a seconda di dove ci si trovi in Europa). 

Cairn con camera di Cuween HillUna volta sulla terraferma scozzese, ho applicato questi criteri (e i miei limiti di tempo/viaggio) all'elenco infinito di possibili strutture, il che ha comportato in cinque ulteriori scansioni parziali e complete. In evidenza tra queste era un raro cairn con camera di tipo Clava relativamente intatto, risalente al culmine dell'età del Bronzo (~2000 a.C.). Sebbene condivida parte della sua designazione tipologica con strutture coperte di terra di siti neolitici come il carin con camera Cuween Hill (una scansione precedente di Orkney), il successivo cairn con camera Corrimony è diverso per planimetria e composizione, una singola camera centrale con volta a botte, circondata da un discreto cumulo di pietre, erose dall'acqua e poco più grandi di una palla da baseball. Sebbene ci siano diversi altri esempi nell'area attorno a Loch Ness, Corrimony è quello meglio conservato, al quale manca forse solo la pietra alla sommità. 

La scansione della struttura presentava diverse difficoltà. Prima di tutto, la cattura a 360 gradi di BLK360 rende difficile catturare l'esterno di oggetti rotondi. Sebbene ci sia voluta una sola scansione di 360 gradi per catturare gli interni, per la forma circolare è stato necessario eseguire scansioni da diversi angoli e posizioni per catturare l'intera struttura.  

Qui ho usato un anello di 11 pietre verticali posizionate nei pressi della struttura come guida, eseguendo una configurazione tra ciascuna pietra. La scansione compilata risultante vede il cairn circondato dai campi e dalla foresta, con dettagli delle migliaia di pietre che ricoprono il cairn (un riconoscimento della altissima risoluzione di BLK). 

Se la forma relativamente contenuta di Corrimony ha permesso una scansione completa soddisfacente, la scansione del mio primo castello ha evidenziato un risultato interessante della ricerca: completare il lavoro dove finisce quello di BLK360.  

Castello di KilchurnA causa della sua enorme scala, la posizione fortificata davanti a un loch e il mio tempo limitato, il castello di Kilchurn è stato catturato solo parzialmente. Quella che è stata documentata nella sua interezza, però, è la torretta caduta della struttura. Rovesciata e in pezzi nel cortile principale del castello, la posizione capovolta permette di comprendere facilmente la sua struttura a volta. In un'iterazione inversa rispetto alla precedente Cuween Hill e ai cairn a camera di Corrimony, dove la volta era usata per creare una struttura del soffitto sporgente verso l'interno di pietre più piccole piuttosto che un'unica pietra piatta qui il metodo procede all'inverso; sporge verso l'esterno per creare una stanza sospesa da cui guardare il paesaggio.   

Ci sono certamente momenti in cui la nebbia disciplinare si dirada e di prefigurazione formale mentre rifletto sulle sei settimane successive in Inghilterra nel post successivo. Rimanete con noi (e attenzione alla caduta delle torrette)! 

Condividi:

Guarda i commenti

Commenti

Aggiungi un commento

HTML ristretto

  • Elementi HTML permessi: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.